Risalendo l’Aspromonte

Nell’Agosto ionico calabrese tra un bagno e l’altro e un pò di cose da riordinare finito di montare il nodo precedente siamo saliti in montagna. L’obbiettivo è quello di illuminare con una settoriale 120° il basso ionio reggino per collegare vari punti sulla costa e iniziare a creare un altro segmento di Ninux.

E così inizia una lunga giornata, anzi più di una.20140811_ninux_pietrapennata_IMG_4614_5D

Continua a leggere

Mozzarella Node

Mangiare mozzarelle ha un suo perchè e se sono di bufala prese a Battipaglia ancora di più. Capita che ti ritrovi l’involucro meglio di una cassetta da esterni ip 44, e dentro ci metti una batteria da 7Ah un regolatore di carica e due iniettori POE.

IMG_20140810_232125

Inscatoli bene il tutto, e ne prepari un supporto in metallo.

IMG_20140811_075843 Continua a leggere

Benvenuto Lappanux, nuovo supernodo NinuCS

Da poco l’hardware team calabro (thank you Musk, PeppeLinux, Vilgio Big Hat e Stefanauss) ha attivato una nuova location a Lappano (Santo Stefano), in grado di coprire tutta Cosenza da Nord a Sud. Guardare per credere.

La panoramica del supernodo Lappanux. Non male, eh?

La panoramica del supernodo Lappanux. Non male, eh?

Si tratta di un supernodo creato, mantenuto e finanziato in combo da più membri della community cosentina, un bell’accenno di crowdfunding ninuxaro! Abbiamo anche imparato tanto, soprattutto uno dei principi basilari dei montaggi Ninux: chi più spende, meno spende. All’inizio avevamo acquistato antenne usate, di seconda mano, che da subito hanno performato male: flapping della Ethernet, radio presente a tratti, un disastro. Il primo “viaggio” ha posizionato tutto, ma non ha prodotto risultati in fin dei conti.

lappanux_peppe

Più che una corda sembrano le mie bretelle impigliate.

Per il secondo abbiamo fatto tesoro della lezione e siamo tornati ad apparati nuovi, testati e configurati in precedenza con tutta calma. Riconfigurato il router con ground routing da manuale, montato in una cassetta trasparente a tenuta stagna assieme ai POE, e aggiunto un braccetto per distanziare ulteriormente le antenne. Risultato perfetto!

Una volta tirati sù i cavi guainati il più è fatto

Una volta tirati sù i cavi guainati e le antenne sul palo siamo al 50% del lavoro. Seguono puntamento e routing test.

Lappanux è pronto per accogliervi in questa community libera, aperta, costruita dal basso. Puntando verso Lappanux troverete due SSID,

  • nord.lappanux.calabria.ninux.org – Ubiquiti Rocket M5 + Sector 90° 17 dBi
  • sud.lappanux.calabria.ninux.org – Ubiquiti NanoStation M5

Presto verrà installata una terza antenna direttiva che farà da dorsale punto-punto verso gli altri supernodi cosentini.

Un test veloce per linkarlo dall'esterno...

Un test veloce per linkarlo dall’esterno…

Su Lappanux abbiamo disabilitato le estensioni proprietarie della Ubiquiti (che spariranno presto anche a San Pietro in Guarano), pertanto qualsiasi apparato 802.11 abbiate che operi nei 5 GHz vi consentirà di collegarvi.

... concretizzato con una insonne airGrid, -72db  120 Mbps, CCQ 100%

… concretizzato con una insonne airGrid, -72db 120 Mbps, CCQ 100%

Come al solito vi aspettiamo nuovi Ninuxer, virtualmente sulla ML (“Contattaci” nel menu) e fisicamente ogni Martedì alle 19 all’Unical (Cubo 22).

lappanux2

E’ forse l’obiettivo del cellulare o quella Rocket pare troppo inclinata in basso… Vedremo, intanto saluti da Lappano.

Un week end Reggino .. parte due

Il week end era iniziato con il montaggio da Stefanaia. Lo avevamo detto che sarebbe stato carico di iniziative… beh si è allungato perfino al lunedì.

Domenica si parte con una modifica al nodo BornAgain. Sostituzione di una delle antenne, da una sector Ubiquiti 120° e 16db si passa ad una Sector 90° 19db. Quello che ci ha spinto a farlo è il fatto che il link BornAgain – CampiGMP non va affatto bene, l’antenna era già a disposizione, ok sostituiamola. Naturalmente il problema non si è risolto :) va cambiata l’antenna sull’altro nodo e alzata di qualche metro sul palo. Con questa scusa si è fatta la manutenzione ordinaria al nodo BornAgain dopo un anno.

Il pomeriggio domenicale prosegue con la configurazione del  nuovo sistema di collegamento tra l’isola di Reggio Calabria e il resto di Ninux. Si passa da una VPN con il server Norimberga al collegamento in BGP. La procedura è un po’ lunga e la configurazione non è finita ma a breve la sostituzione sarà definitiva. Intanto la macchina è raggiungibile da remoto. Questo permetterà di scaricare il lavoro dell’antenna di collegamento BornAgain Osservatorio, che al momento ha l’istanza di tinc per il collegamento VPN, su un server dedicato. L’antenna, la prima dell’isola di Reggio, a quel punto si dovrà occupare solo di fare il lavoro per cui era nata, il link radio.

Con BGP inoltre aggregheremo il traffico che genera OLSR per scambiarsi le rotte e questo libererà un po’ di upload nell’ADSL da cui esce la topologia dell’isola di Reggio.

Astro64 a lavoro per l'adattamento dell'armadio che ospiterà il server

Astro64 a lavoro per l’adattamento dell’armadio che ospiterà il server

Beh non rimane che sistemare il tutto in un armadio, in cui abbiamo spostato anche il server VoIP messo su in precedenza da Danilo e mettere tutto sotto gruppo di continuità [da completare] per rendere consistente il tutto. Con questa scusa è stato sistemato anche un tirante al nodo Osservatorio permettendo di stabilizzare un pò il link.

Lavoretto finito

Lavoretto finito

Che dire .. in un week end con il coinvolgimento e l’aiuto di tutti nei ruoli più disparati credo che abbiamo fatto un bel passo in avanti .. o no? :)

600 mt… e l’infinito in mezzo

Ogni volta che Dario (BornAgain) torna a casa si cerca di organizzare un incontro davanti ad un caffè (che poi vira su pasticcini e similari) per pianificare i prossimi passi di Ninux a Reggio Calabria. Questa volta dovevamo pianificare un link da 50km per poter connettere 2 nuovi punti. Uno di questi è Astro64 (Giovanni) che abita a 600mt da casa mia….ma tra la mia antenna e la sua ci sono palazzi di svariate altezze … e lo stadio comunale…link impossibile.
Dopo varie ipotesi (e pasticcini) concludiamo l’incontro con un…..”e se ci proviamo lo stesso!??!??!?”. Appuntamento fissato nel pomeriggio tra nuvole minacciose e attrezzature non proprio omologate :)

Continua a leggere

Ninux.org e PresidioCelico, in difesa del territorio calabrese

IMG_20140220_124908

L’isola cosentina della rete wireless comunitaria Ninux.org ha vissuto 2 mesi intensi, che l’hanno vista più che raddoppiare. Nella prossima settimana cercheremo di riassumervi tutti le nuove configurazioni, le idee dei nuovi membri della community, le prospettive eccitanti per il futuro. Ma adesso c’è qualcosa di più importante di cui vogliamo parlarvi,  qualcosa che arriva al cuore del concetto che crediamo essere alla base di una rete come Ninux, e che alimenta la nostra motivazione nello sviluppo di questa rete e di questo gruppo ben più di un innovativo protocollo di routing o di un link radio con un’attenuazione perfetta.

Lunedì i cittadini della presila cosentina si sono mossi per protestare contro le decisioni della regione Calabria in materia di rifiuti, preoccupati di pagare, in salute e in vivibilità del territorio, l’ennesima incuria nella gestione della cosa pubblica. La protesta è scattata nella notte di Lunedì, quando sempre più cittadini hanno cominciato, sfidando il freddo e la nebbia di questi giorni, ad occupare le via di accesso all’impianto di Celico. Tra questi il nostro fraticello, già nodo bello-che-attivo dell’isola NinuCS. Nel bel mezzo del nulla, quasi disconnessi da tutto nel momento in cui comunicare era più importante che mai, l’idea è stata questione di un attimo: perché non cortocircuitare una community per un’altra community?

IMG_20140220_162948È nato così, in meno di 30 ore, PresidioCelico. Un link radio di quasi 16km fino a Cerisano, il più lungo in Italia che non faccia parte dell’isola Ninux romana, che ha permesso al Presidio di dotarsi di una connettività stabile che ha reso più semplice aggiornarsi e aggiornare su quanto stava avvenendo con liveblogging e aggiornamenti sui social network, ma soprattutto un livestreaming dell’assemblea dei partecipanti, nella mattinata di Venerdì, con decine di collegamenti.

PresidioCelico, dopo 6 giorni e 5 notti di sit-in, non ha più resistito. Il suo lascito però, è importantissimo per Ninux Calabria. Innanzitutto è stata la conferma tangibile di ciò che abbiamo sempre professato: Ninux è una rete che mette al centro le persone. Sono le persone a possedere direttamente un pezzetto della rete, a gestirla e ad esserne parte attiva, invece che una minuscola e insignificante briciola alla periferia di Internet che se sparisse, non importerebbe niente a nessuno. L’importanza che ha essere produttori e non solo consumatori passivi di una rete la si vede proprio quando sono le necessità delle persone che devono essere ascoltate, specie dove collidono con logiche che ostacolano il cambiamento positivo e il benessere comune. Dove i provider Internet e i classici mass media non potevano o non volevano arrivare in supporto delle persone, Ninux c’era. La strada è quella giusta, PresidioCelico ci dice questo.

Infine PresidioCelico si lascia dietro un Nodo Nomade, con indirizzamento IP e apparati dedicati e pronti 24 ore su 24, che Ninux Calabria metterà a disposizione delle mobilitazioni cittadine come quella del Comitato Ambientale Presilano. Ma Ninux può arrivare solo fin dove ci sono cittadini pronti ad abbracciare questa rete libera e aperta. Prima di lasciarci con alcune foto della giornata dell’installazione, una dritta sui come passare i prossimi 10 minuti: leggi un po’ di Ninux sul wiki del progetto e se ti verrà voglia di entrare nella community e di amplificare l’innovazione tecnica e sociale di questa rete, faccelo sapere.

Rotolando verso Sud

Ed era già in programma da un po’… finalmente messo su ReggioCal::CampiGMP.

Nodo di Backbone, ovvero da un lato collegato con la Rocket di ReggioCal::BornAgain montata qualche giorno fa e quindi a tutta la rete fin qui creata. Dall’altra parte Access Point che guarda a Sud… Reggio Sud.

Ok, non sarà il fratello maggiore che starà alle sue spalle (nè vuole esserlo, non volendo essere commerciale), ma intanto fa il suo sporco lavoro…

20130807_193122

La visuale da questo nodo la trovate nella fotogallery dei nodi Ninux.

Abbiamo saltato la collina di Reggio centro e andiamo avanti… la Costa Jonica Reggina ci aspetta!

Capizzanux, avamposto di Ninux a Cosenza sud

All’ingresso dell’autostrada è nato Capizzanux, l’ultimo arrivato vive un test su Scooreggione e altre fantasmagoriche avventure, degne di un nodo di frontiera.

L'ingresso dell'autostrada. In alto a sinistra, dietro l'alberello, si scorge un palazzo opaco. Capizzanux è in quei paraggi.

L’ingresso dell’autostrada. In alto a sinistra, dietro l’alberello, si scorge un palazzo opaco. Capizzanux è in quei paraggi.

L’intenzione era latente. Quando i ragazzi dell’Hacklab hanno importato Ninux nella city la voce era giunta a Verdebinario e la curiosità lievitava, il desiderio prendeva forma, mancava però la spinta, il tetto, l’antenna… Insomma si è vergini anche in queste cose, quello che ci divide da una tecnologia non deriva forse da blandi fattori inibitori, incerti dubbi del tipo: la mia antenna sarà abbastanza alta e capace, mi scorno col vicino eppoi lavoro sprecato o ancora peggio: si ma poi che cci faccio co sto ninucs?

Continua a leggere

Cosenza è un’isola

Non vi torna? Un’isola Ninux, ovviamente! Ecco la classica immagine che vale più di mille parole:

Il supernodo di SPIG unito ai nodi foglia dell'HPCC, di Spax e Vin-San.

Il supernodo di SPIG unito ai nodi foglia dell’HPCC, di Spax e Vin-San.

Il progetto Ninux Calabria è nato a Cosenza, e da qui i fondatori del progetto l’hanno portato in pochissimo tempo a far nascere le isole di Catanzaro e di Reggio Calabria. Per quella cosentina ci sono stati più intoppi di quello che avremmo voluto ma ora ci siamo! L’isola cosentina conta circa 11km di collegamenti wireless, è la più estesa finora in Calabria, e come ognuna delle isole dalle quali è formata la rete Ninux (oltre a Roma ce ne sono a Pisa, Firenze, Vicenza, Viterbo, Ragusa e Mistretta) è collegata alla rete nazionale attraverso un tunnel VPN.

Continua a leggere

Il nodo di pasquetta

Scritto da RurikoSte , parti in corsivo da Bornagain

Pomeriggio uggioso di fine Marzo , dicono sia pasquetta, mi chiama al telefono Bornagain: “Tiriamo su il nodo ReggioCal::Bice?”

Mi improvviso, dunque, a supporto nel montaggio di un nodo ninux. Ci manca una pinza per crimpare, per cui sappiamo già che svolgeremo solo una prima parte del lavoro ovverossia:
discesa del cavo di rete utp in canalina e cassetta tv lungo 2 piani;
predisposizione dell’alimentazione per la nanostation;
prova segnale dell’access point dentro casa.

Qualche inconveniente abbastanza (penso) consueto (il cavo che si blocca in discesa, e le cassettine indisponenti), ma l’attività procede abbastanza spedita, intervallata dalle mie domande sull’abc della parte tecnica.

Predisponiamo, quindi, l’alimentazione per il POE ( che verrà portata a termine il giorno seguente) e per l’access point: in casa il segnale c’è!

Il coordinamento tra me e Stefania ha permesso, nonostante la sua inesperienza in questo campo,  in un paio di ore di fare oltre metà del lavoro .. a dimostrazione che la volontà e il mettersi in gioco senza remore in prima persona sono elementi indispensabili per un buon lavoro di squadra.

il giorno seguente insieme l’ormai rodata coppia Bornagain – Virgilio ha fatto il resto.. 20130402_185903_595 Continua a leggere